Chi siamo – Collegio dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati di Bologna

SITO IN CORSO DI AGGIORNAMENTO

Chi siamo

Il 9 maggio 2011 è stata autorizzata con Provvedimento del Direttore generale della Giustizia Civile, la Camera di Conciliazione – organismo non autonomo – del Collegio dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati di Bologna. La Camera di Conciliazione, iscritta al numero 304 del Registro degli Organismi di Mediazione presso il Ministero della Giustizia, è la prima in assoluto costituita in seno ad un Collegio/Ordine tecnico. Il risultato è stato raggiunto dopo un lungo lavoro di studio della normativa e del necessario approfondimento di tutti gli aspetti giuridici, fiscali e gestionali connessi alla costituzione dell’organismo quale ente non autonomo del Collegio. Lavoro necessario poiché se da un lato il percorso autorizzativo è facilitato rispetto quello di un organismo privato, dall’altro occorre una maggiore attenzione sulla formazione e competenza dei mediatori e sulla predisposizione degli atti costitutivi e regolamentari dell’Organismo: Statuto, Regolamento di Procedura, Codice Etico dei Mediatori. Lo Statuto è strumento necessario per regolare con trasparenza i rapporti giuridici ed economici con il Collegio, oltre a disciplinare la vigilanza del Consiglio sull’attività dell’organismo senza però appesantirla e, soprattutto, consentire l’agevole adempimento di quanto previsto dal D.lgs 4 marzo 2010 n.28 e DM 18 ottobre 2010 n. 180. Il Regolamento di procedura contiene tutte le norme che attengono al procedimento di mediazione, in conformità alle previsioni dei citati decreti, e l’elenco delle materie riguardanti le controversie per le quali è possibile presentare domanda di mediazione alla Camera di Conciliazione del Collegio dei Periti Agrari. Il Codice Etico e di comportamento per i mediatori, fornisce i principi fondamentali per la corretta gestione delle procedure, secondo gli imprescindibili valori etici e deontologici sui quali l’organismo fonda la sua opera. Considerata la delicatezza e l’importanza della procedura di mediazione, le norme deontologiche, obbligatorie per i mediatori, sono maggiormente dettagliate e più restrittive rispetto a quelle previste nel codice deontologico del Perito Agrario. Tutt’oggi sono iscritti e riconosciuti sette. In argomento deve sottolinearsi come l’attività del Mediatore, così come prevista dalla vigente legislazione, viene arricchita dalle competenza e dalla specializzazione del Perito Agrario che può così fornire un servizio altamente qualificato in molti dei settori frequentemente oggetto di contenzioso.

C.F.: 91189840373 | P.iva: 03106351202 | Fax: 051-4228140

torna all'inizio del contenuto